22 gennaio 2011

Foster Manganyi - Ndzi Teke Riendzo no. 1


ASCOLTA: (Vedi "Tracce in ascolto")


Siamo di nuovo nel misterioso mondo di Richard "Nozinja" Mthetwa, DJ e produttore di Soweto, che con il suo recente Shangaan Electro è riuscito a stupire - e anche a spiazzare - molti ascoltatori di musica africana e non solo.

Shangaan Electro era musica per voce e marimba trasposte su terrificanti tastiere elettroniche. Dog - un'altro dei soprannomi di Nozinja - spiegava che era musica Shangaan, un'etnia diffusa soprattutto in Mozambico, dove le marimba - gli xilofoni di legno tradizionali che in realtà chiamano timbila - sono assai diffusi. Solo che lui aveva accelerato il tempo portandolo da 120-130 a 180 battiti al minuto, trasformando la musica degli Shangaan e le loro danze in inquietanti e incontenibili allucinazioni urbane.

Foster Manganyi è un pastore protestante scovato - e registrato - a Giyani, una città nella provincia nord orientale del Sud Africa chiamata Limpopo. Anche in Sud Africa, e soprattutto a Limpopo, esiste una numerosa comunità di Shangaan, che là vengono però chiamati Tsonga, e questo spiega il perché un pastore di Limpopo suoni anch'egli Shangaan Electro.


Manganyi suona con un gruppo che chiama Tintsumi Ta Tilo, e l'album distribuito dalla sempre più coraggiosa Honest Jons, dall'impronunciabile titolo Ndzi Teke Riendzo no.1, non è altro che una cassetta locale prodotta nel 2008. Oltre che della follia dell'etichetta londinese, questa è anche la prova che la musica urbana degli Shangaan è ascoltata e apprezzata prima di tutto dagli africani che vivono nelle township di Johannesburg e delle città limitrofe.

In effetti ciò che più ci fa apprezzare questo ruvido groove proiettato nel futuro globalizzato è la sua essenza sud-africana, così distante dalle sonorità straniere e pacchiane dei generi della diaspora - rap, zouk, dancehall, soul, kuduro - che sembrano aver occupato i club e le balere di molte città africane nonché le menti dei suoi giovani.

Quell'essenza è riconoscibile nei suoi accenti sulle battute pari come nella mbaqanga, nella struttura a chiamata e risposta e nelle armonie così vicine al gospel, ma al tempo stesso assimilate per più di un secolo agli impasti tradizionali Zulu e Xhosa, nel minimalismo delle varianti sulle infinite ripetizioni di forme e strutture, nella voce roca e cavernosa da groaner dello stesso Manganyi, usata come un borbottio scocciato, distaccato e stanco, anche mentre canta le lodi del suo Dio nero e Cristiano.

Il tutto - groaner e coro - sulla marimba che sostituisce il basso, sulle tastiere e sulle percussioni elettroniche, ma anche su una curiosa e stilizzata fisarmonica, e forse su uno scheletrico jazz drum-set. Il fatto che Manganyi sia un pastore rende la sua musica più ieratica e spirituale, e non è una suggestione. Se Shangaan Electro assomigliava a una scossa elettrica che attraversava il corpo, questo Ndzi Teke Riendzo lascia lo spazio e il tempo di ritrovarsi rapito e assorto. Sempre trance music, dunque, ma l'effetto e l'emozione sono diversi.

Foster Manganyi si rivela capace di gestire non solo le messe della domenica mattina, ma anche i rituali dell'evasione e del ballo del sabato notte, che per molti giovani che combattono per l'esistenza quotidiana sono spesso altrettanto sacri. Ma siamo in Africa, e l'evasione dello Shangaan Electro di Ndzi Teke Riendzo no.1 è prima di tutto evasione condivisa, irresistibile socializzazione musicale. E mentre scriviamo - e ascoltiamo - ci ritroviamo a dondolare dolcemente la testa ora di quà, ora di là.


Tracce in ascolto:
1. Ndzi Teke Rendzo
2. Amen-Amen
3. Hi Tirhela Tilo

Autore: Foster Manganyi na Tintsumi Ta Tilo
Titolo: Ndzi Teke Riendzo no. 1
Anno: 2010
Label: Honest Jons

Tracce:
1. Ndzi Teke Rendzo
2. Amen-Amen
3. Tintsumi
4. Misava Ya Fova
5. Hi Tirhela Tilo
6. Moya Wanga
7. Fambani
8. Zion
9. Ndzi to Tivisela
10. Vanhu Va Lova

Nessun commento:

Creative Commons License
This opera by http://www.blogger.com/www.tpafrica.it is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.