21 agosto 2009

Staff Benda Bilili - Tres Tres Fort


Lo ammetto, sono colpevole di essere stato travolto dagli eventi, dalla musica, dai progetti compiuti e da quelli in divenire, dalle idee e dai ritmi incalzanti. E così non ho parlato in questi mesi di dischi belli e persino commoventi, che da quando sono usciti continuano a girare nel mio lettore, ma solo a mio uso e consumo.

Uno di questi è l’incredibile Tres Tres Fort degli Staff Benda Bilili, una band di musicisti di strada - nel senso che abitano in strada – e che rappresentano l’Africa urbana malandata e vitale come pochi altri gruppi riescono a fare.

Degli Staff Benda Bilili ne hanno parlato tutti, persino la stampa nostrana. Sono stati trovati nei giardini dello Zoo di Kinshasa, capitale della Repubblica Democratica del Congo, da Vincent Kenis della Crammed, un esploratore contemporaneo che merita tutta la nostra gratitudine perché ci ha permesso di scoprire band come i Konono n. 1 e i Kasai All Stars.




Una volta dormivo nei cartoni.
Ma la fortuna ora è arrivata, così ho comprato un materasso.
Può accadere a te, a lui, a loro.
Un uomo non è mai finito,
una possibilità può arrivare in qualsiasi momento senza avviso.
Non è mai troppo tardi nella vita.

Non giudicare la vita di un uomo
uno non si sceglie la propria vita.
Non giudicare la vita dei bambini di Makala,
uno non si sceglie la propria vita.

I bambini di Dotche sono grandi stelle
E dormono nei cartoni.
I bambini di Mandela Square sono grandi stelle
E dormono nei cartoni.
I bambini della Plateforme sono grandi stelle
E dormono nei cartoni.

Perché ti prendi gioco di me?
Questa è la mia vita, questa è la strada che percorro.
Tu non sai cosa può succedere domani,
la vita di uno shege
(bambini di strada) è nelle mani di Dio. (Tonkara - cartone)




La storia degli SBB e del loro disco assomiglia a una favola. Senza casa, poveri in canna e paraplegici - la poliomelite colpisce milioni di bambini africani perché la maggioranza di loro non viene vaccinata - formavano una piccola comunità di strada che cercava di rendere più dolci le loro vite difficili attraverso l’amicizia e la musica. Circondati dagli orfani di strada che li avevano scelti come padri adottivi, questi anziani signori che girano in carrozzelle motorizzate da easy rider post-atomici improvvisavano jam session a base di rumba congolese, funky e reggae per passare il tempo e rimediare qualche spiccio, con fierezza e una verve formidabile.

“Tutti noi bambini che viviamo in strada conosciamo gli Staff Benda Bilili. Loro sono come dei padri per noi, ci hanno sempre aiutato e protetto.”

Alla fine è arrivato il successo che non avevano mai immaginato né sperato, ma che è tutt’altro che immeritato. La loro musica è fatta di chitarre senza corde, basso e percussioni, più uno straordinario liuto a una corda ricavato da una latta e un bastone ricurvo. E poi, naturalmente, le voci e i cori. Il risultato è un sound scarno e tagliente, trascinante, tropicale e allucinato.

Benda Bilili, che vuol dire “guardare oltre le apparenze”, potrebbe essere il manifesto semplice di una civiltà nuova. Tres tres fort, il loro primo album, è l’essenza della creatività romantica e un pò incosciente dell’Africa contemporanea, in cui l’amore spontaneo per la vita sovrasta le condizioni difficili. E’ musica vera, è la ricchezza e la speranza dell’animo umano offerta senza trucchi, così com’è.

Con i Konono si dovettero tracciare paralleli iperbolici con le frontiere estreme dell’elettronica per fornire uno schema interpretativo all’apatico ascoltatore euro-americano. Ma con gli SBB non è necessario, la loro musica parla da sola anche a chi non ha voglia di ascoltare. Per questo Tres tres fort è davvare molto, molto forte, come un sole che cuoce e spacca la pelle, come una birra scura che contorce le budella, come un'emozione che va oltre qualsiasi racconto fatto di parole. Dire che è straordinario questa volta davvero non basta, bisognerebbe inventare vocaboli nuovi, oppure lasciar semplicemente parlare le immagini e la musica.



Autore: Staff Benda Bilili
Titolo: Tres Tres Fort
Anno: 2009
Label: Crammed Records

Tracce:
1. Moto Moindo
2. Poliomyelite
3. Je t'aime
4. Sala Keba
5. Moziki
6. Sala Mosala
7. Avramandole
8. Tonkara
9. Marguerite
10. Staff Benda Bilili
11. Mwana


English Version

Nessun commento:

Creative Commons License
This opera by http://www.blogger.com/www.tpafrica.it is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.