29 luglio 2009

Anche le statue muoiono

- Riceviamo dall'amico Robert "Bakary" Roudil e volentieri pubblichiamo -


COSA ACCADE AL MERCATO DI N'GOLONINA?

"N'Golonina a Bamako, era un mercato d'artigianato di tipo souk (contrariamente a La maison des Artisans nel centro della città, un insieme caotico che offriva ai turisti curiosi poche sorprese).


A N'Golomina almeno duecentocinquanta famiglie (ma c'è chi parla di mille)riuscivano ad assicurarsi un misero salario, compresi i centinaia di artigiani delle campagne che fornivano piccoli lavori. A N'Golonina l'abitudine di contrattare con i negozianti sempre di buon umore si acquisiva subito, tra le infinite discussioni e tasse sul the.


Ma N'Golonina non piaceva alle autoritá. Mercoledi scorso, senza nemmeno lasciare iltempo alle famiglie di salvare i loro averi e i loro strumenti, dei bulldozers hanno rasato al suolo il mercato."


Sembra che il mercato, trasferitosi a N'Golonina nel 1993 dopo l'incendio che distrusse il mercato Rosa, sia stato affittato dal comune di Bamako a un privato per 99 anni. La sua demolizione è avvenuta nonostante la richiesta delle organizzazioni del mercato di discutere per pervenire a un accordo. I funzionari governativi dichiarano che la sua distruzione è propedeutica alla costruzione di un mercato più bello, accessibile e sicuro per i turisti. Speriamo che sia così. Nel frattempo gli artigiani del mercato non hanno più la loro merce né un luogo dove venderla.


1 commento:

Anonimo ha detto...

...di queste ignobili distruzioni "propedeutiche" fatte da parte dei potenti in ogni parte del mondo, ne abbiamo le tasche piene!! Sta diventando veramente insopportabile questo "vedere senza poter far niente!"

Mi auguro e aspetto con tutto il cuore il giorno in cui ci potremo riscattare di tutte queste angherie!!

Il "giorno" in cui potremo lottare "fattivamente" contro l'arroganza del potere...contro questi "signori della guerra"!!

Un saluto commosso

Costantino

Creative Commons License
This opera by http://www.blogger.com/www.tpafrica.it is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.