10 marzo 2009

Sidiki Diabate - Ba Togoma


ASCOLTA Ba Togoma


Eravamo appena usciti dal Museo Nazionale di Bamako. Accaldati, prima di cercare un taxi che ci riportasse a Badialan stavamo bivaccando all’ombra delle grandi acacie, quando uno dei molti venditori ambulanti di CD si è avvicinato educatamente con una borsa nera piena della sua merce. Nel frugare tra le copie pirata dei soliti Salif Keita, Toumani Diabate, Ali Farka Toure e Oumou Sangare abbiamo scovato un disco di cui non avevamo mai letto nelle discografie ufficiali.

Il titolo è “Ba Togoma - Mande Music from Mali”, e l’autore è Sidiki Diabate. La copertina rappresenta Sidiki in piedi con la sua kora, e accanto a lui un bambino minuscolo – si tratta di Mamadou Diabate, il suo ultimo figlio - con una kora di dimensioni proporzionate alla sua statura.



Sidiki Diabate


Di Sidiki Diabate, padre di Toumani Diabate, se ne è già parlato su T.P. Africa. Trasferitorsi a Kita dal Gambia subito dopo la II Guerra Mondiale, durante l’epoca coloniale fu protagonista del movimento Kaira, creato dai giovani djeli di Kita e che in breve si diffuse in tutto il Mali. Quel movimento, che prende il nome da una canzone divenuta famosa proprio grazie all’arrangiamento per kora di Sidiki, sostenne la lotta per l’indipendenza del Mali e accompagnò Modibo Keita alla presidenza.

Kita è una città a poco più di duecento chilometri a nord-ovest di Bamako, nel distretto di Kayes, sulla strada che porta in Senegal. Donata dal primo imperatore Soundjata Keita alla famiglia dei Tounkara, che avevano ospitato lui e sua madre presso la loro dimora negli anni dell’esilio, è divenuta nei secoli uno dei luoghi in cui viene custodita e tramandata l’antica cultura orale dei djeli.



Kita


E’ da Kita che vengono, tra gli altri, Kandia Kouyate, Keletigui Diabate e Bako Dagnon. Il trasferimento di Sidiki in Mali fu un ritorno nella sua terra d’origine. La sua famiglia era infatti originaria di Kita, e fu suo padre a trasferirsi in Gambia, nel villaggio di Brikama.

Tra i mandengue Sidiki è considerato un gnara, titolo che rappresenta il massimo riconoscimento della grandezza di un djeli, e anche un potente marabout, profondo conoscitore della medicina e della magia tradizionale e dotato di grandi poteri a cui tale conoscenza gli consentiva l’accesso. La sua casa a Bamako fu costruita dopo l’indipendenza su un terreno donatogli da Modibo Keita, ai piedi della collina sulla quale ancora oggi si staglia la dimora presidenziale.



Kita


Sidiki fu tra i membri fondatori dell’Ensamble National Instrumental du Mali, una delle orchestre tradizionali più importanti di tutta l’Africa, e nel 1971, assieme A Batourou Sekou Kouyate e a Djelimady Sissoko, registrò Cordes Anciennes per l’etichetta tedesca Barrenreiter Musicaphon, in cui per la prima volta la kora suona da sola e non con l’accompagnamento di cantanti o di altri strumenti tradizionali.

Ba Togoma proviene dal British National Sound Archive, ed è stato registrato a Londra da Lucy Duran e pubblicato come LP nel 1987. L’ensemble è composta, oltre che da Sidiki, da Djelimadi Sissoko anch’egli alla kora (o forse da Toumani Diabate, come abbiamo trovato scritto da qualche parte), da Bouraima Kouyate al balafon, e dalle splendide voci di Djelimadi Sissoko, di Mariama Kouyate, moglie di Sidiki e madre di Mamadou, e da Kandia Kouyate, allora poco più che ventenne.



Sidiki e Mamadou


Per la scarsità di registrazioni disponibili del grande Sidiki Diabate, Ba Togoma è un documento storico importante, del quale non vi è quasi traccia in rete. Per questa ragione, ma anche perché è un disco splendido e registrato bene, che lo proponiamo per intero qui su T.P. Africa. Buon ascolto.


Autore: Sidiki Diabate
Titolo: Ba Togoma - Mande Music from Mali
Anno: 1987
Label: Rogue Records

Brani:
1. Ba Togoma (voce: Djelimadi Sissoko)
2. Sackodougou
3. Alou Waye (voce: Mariama Kouyate)
4. Kounady La Beno (voce: Kandia Kouyate)
5. Sori
6. Horoya (voce: Djelimadi Sissoko)


English Version

2 commenti:

Jazz from Italy ha detto...

http://borguez.wordpress.com/2009/03/10/mulatu-astatke-the-heliocentrics-liveauditorium-flog-8-aprile-2009/

sembra "fuori luogo" ma è una notizia che mi fa sentire tutto il mondo come lo stesso paese...

borguez ha detto...

sto ascoltando Sidiki Diabate e il suo Ba Togoma per il quale mi sento in dovere di ringraziare.
per la musica e per il lavoro svolto da un blog (per me) necessario!
poi ritrovo l'amico JazzfromItaly che mi cita ed annuncia con me la venuta di Mulatu Astatke.
sono felice di esserci trovati reciprocamente. sentitamente.
tutto bello oggi, con il sole fuori e la musica dentro.
vi seguo affidandomi a voi,
a presto
borguez

Creative Commons License
This opera by http://www.blogger.com/www.tpafrica.it is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.